Координаты 693

Загружено 14 марта 2021 г.

  • Оценка

     
  • Информация

     
  • Легко следовать

     
  • Пейзаж

     
-
-
180 м
118 м
0
3,1
6,2
12,32 км

Просмотрено 3028 раз, скачано 131 раз

рядом с San Vittorino, Lazio (Italia)

Meravigliosa escursione alle porte di Roma, elementi cardine di questo percorso sono: la Cascata di San Vittorino, il Ponte della Mola, il Fosso Terra e il Ponte Terra, il tutto immerso nella placida tranquillità di un borgo non ancora inglobato nel traffico e nello squallidume del processo inclusivo della periferia romana.
Nella piazza di San Vittorino si può lasciare la macchina, anche se i parcheggi, seppur gratuiti, sono limitati. Si scende per la ripida via della Mola e pian piano si entra in un ambiente naturale addomesticato dall'uomo e a tratti vilipeso dai rifiuti gettati dalla pentima sovrastante o abbandonati qua e la. Si incontrano ipogei di varia grandezza, ad uso pastorale, un vecchio lavatoio abbandonato che si trova su di un sentiero che passa poco sotto quello che invece condurrà alla cascata.
Per giungere alla cascata non si hanno grandi difficoltà, il sentiero è in lieve pendenza, su terra battuta e cammina affianco ai resti di una oramai semisepolta struttura romana.
La deviazione per la cascata si incontra dopo 1,5km dal borgo. Si scende su di un piccolo passaggio scivoloso e si arriva di fronte a questo salto di roccia basaltica che l'acqua del torrente non ha eroso e ha attraversato gettandosi da esso per diversi metri.
Tornati sul sentiero principale si attraversa un ampio pianoro costituito dall'ansa del torrente e si sale su di un campo coltivato in direzione della via che ci condurrà al Ponte della Mola. Per arrivare ad intercettare questo sentiero è necessario scavalcare una piccola recinzione spinata.
La via, sempre di facile percorrenz,a attraversa lontano dal fosso del torrente una piccola zona abitata, poi si scende di nuovo al livello dell'acqua e si attraversa la via Faustiniana per tornare a calcare sterrati e basolati romani che anticipano l'arrivo alla antica mola prima e al Ponte della Mola poi. Anche in questo caso ci si cala in un ambiente che a tratti sembra rimasto fermo nel tempo, ipogei ad uso pastorale sulle pareti tufacee, ampii greti del torrente, macchia fitta e rigogliosa e l'attraversamento casuale di un gregge di capre e montoni.
L'antica mola è un edificio enorme e diroccato nel quale è possibile entrare, vi sono ancora scritte sulla facciata risalenti al secolo scorso, mentre ad un occhio più attento emergono antiche incisioni su pietre riutilizzate per l'edificazione di queso complesso.
Proseguendo lungo il sentiero, non molto distante dal mulino si incotra finalmente il Ponte della Mola. Trattasi dei resti dell'acquedotto dell'Anio Vetus realizzato ad opera di Adriano che serviva ad accorciare il tratto del vecchio acquedotto che passava nei pressi di Ponte San Pietro e che versava già in condizioni di declino. Purtroppo nel 1965 la parte centrale rovinò al suolo e solo negli anni '80 ciò che riamneva di questa bellissima opera romana (immortalata anche dal pittore romantico Ettore R. Franz) venne ristrutturata.
L'escursione ora prevede il ritorno al borgo di San Vittorino e la visita al Fosso Terra, non prima però di aver visitato (esternamente) il Santuario della Madonna di Fatima, enorme complesso visibile anche dal tratto della Roma-L'Aquila, edificato nel 1979. Si attraversa su di un cavalcavia la A24, dal quale si apprezza ciò che rimane del meraviglioso Agro Romano e si giunge nell'angolo più selvaggio del perorso.
Seguendo la via di Ponte Terra si entra in una fitta boscaglia, si scende velocemente all'interno di un enorme fosso su di un sentiero scivolosissimo e umido fino ad arrivare con stupore a solcare l'arcaico Ponte Terra.
Il Ponte Terra fu una delle prime opere ingegneristiche romane e pre-romane, quando ancora non si avevano le capacità e i mezzi per realizzare ponti in muratura si utilizzavano gli interventi di sbancamento e di perforazione per deviare il corso di torrenti e mettere in sicurezza dall'erosione e dal crollo le importanti vie di comunicazione che in questo caso mettevano in relazione tra loro la nascente Roma, Palestrina, Tibur, Gabi e gli altri antichi popoli dell'Agro Romano a Sud-Est del Tevere.
Il Ponte Terra altro non è che un enorme cunicolo che ha come scopo quello di far defluire l'acqua dove gli uomini volevano senza che questa rischiasse di demolire il basamento in tufo che permetteva l'attraversamento dell'enorme fosso, in aggiunta sono visibili anche tratti del cunicolo che a metà della pentima attraversava la roccia tufacea per condurre e captare le acque provenienti dalla Villa Adriana.
Insomma, un escursione bella, interessante e appagante che necessità di ulteriori approfondimenti sul Fosso Terra e sulle opere arcaiche e romane che sono disseminate lungo la via Polense nonchè dei meraviglosi borghi medioevali che caratterizzano e abelliscono questo ampio tratto di campagna alle porte di Roma.
Парковка

Parcheggio

Фото

San Vittorino

Перекресток

Sinistra

Пещера

Ipogei

Фото

Antico lavatoio

Водопад

Cascata di San Vittorino

Руины

Ponte rotto

Перекресток

Destra

Перекресток

Sentiero per l'Acquedotto

Руины

Antica Mola

Руины

Ponte della Mola

Перекресток

Destra

Храмовая архитектура

Santuario Nostra Signora di Fatima

Фото

A24

Река

Fosso Terra

Мост

Ponte Terra

4 комментариев

  • Фото Max Strike

    Max Strike 29.03.2021

    Я был на этом маршруте  проверенный  Посмотреть еще

    Grazie della traccia, descrizione ottima e accurata. ho perlustrato più a lungo la zona di Ponte Terra proseguendo nel torrente in entrambe i lati ed è veramente affascinante, peccato per i tantissimi rifiuti abbandonati. In più ho aggiunto una visita a Ninfeo Paris che si può raggiungere anche in auto evitando 6 km di strada asfaltata. Inoltre mi piacerebbe tornare e proseguire per il sentiero dopo Ponte della Mola. Un consiglio che possa dare è quello di fare attenzione al gregge di capre, uno dei cani pastore è più aggressivo e in assenza del pastore bisogna lasciare bene il passaggio libero. Grazie ancora

  • Фото Marlow78

    Marlow78 29.03.2021

    Grazie a te per la recensione, il Ninfeo Paris è in programma come l'attraversamento completo del Fosso Terra, sto solo aspettando di poter muovermi liberamente nella regione. Ciao Max.

  • Фото Max Strike

    Max Strike 29.03.2021

    Al fosso terra bisognerebbe organizzare una bella raccolta rifiuti, provo a mettermici su 💪🏻

  • valerio marconi 28.04.2021

    la traccia è stata utile ma la strada dalla cascata a via crucis finisce contro un filo spinato (facile da superare), quindi consiglio di vedere la mappa e girare a sinistra invece che a destra si allunga ma è meno complicato.

Вы можете или этот маршрут