-
-
1 028 м
744 м
0
3,8
7,6
15,12 км

Просмотрено 186 раз, скачано 8 раз

рядом с Rio di Fontecervo, Trentino - Alto Adige (Italia)

Lunga passeggiata su sentieri e strade minori non trafficate sul versante assolato della val Pusteria.
da wikipedia
Falzes (Pfalzen in tedesco) è un comune italiano di 2 795 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in val Pusteria (in Trentino-Alto Adige).
Indice

1 Geografia fisica
2 Origini del nome
3 Storia
3.1 Stemma
4 Monumenti e luoghi d'interesse
4.1 Architetture militari
5 Società
5.1 Ripartizione linguistica
5.2 Evoluzione demografica
6 Amministrazione
7 Sport
8 Note
9 Bibliografia
10 Altri progetti
11 Collegamenti esterni

Geografia fisica

Il centro abitato di Falzes si trova a 1 022 m s.l.m. e sovrasta l'imboccatura meridionale della val di Tures. Confina con il comune di Brunico a est, con Chienes a ovest e con Selva dei Molini a nord. Oltre al centro principale vi sono due frazioni: Grimaldo (in tedesco Greinwalden) e Issengo (Issing), che si trovano sulla cosiddetta "strada del sole" (Pustertaler Sonnenstraße), che poi prosegue in direzione ovest verso il comune di Terento.
Origini del nome

Il toponimo sarebbe ricollegabile al tardolatino Palantium o Palantia, "residenza di un principe", anche spirituale, derivante a sua volta da origini prelatine.

È attestato in un documento del 1050 come Phalanza, Pfalenz, Phalenze e probabilmente è di derivazione preromana.[4][5] Infine, attorno al XIII secolo, diviene definitivamente Phaltzen. Il nome italiano è stato composto senza tenere conto della rotazione consonantica tedesca di "p" in "pf", ma con semplice adattamento della dizione tedesca.
Storia

Pregevoli e numerosi reperti archeologici attestano che il territorio comunale fu popolato fin dalla preistoria, e durante l'alto medioevo fu occupato dai baiuvari, e a un esponente della nobiltà di questo popolo, un certo Grimoald, si deve la fondazione del minuscolo aggregato urbano di Grimaldo (ted. Greinwalden).

Successivamente fu infeudato ai signori "von Pfalzen", ministeriali del vescovo di Bressanone, per passare in seguito sotto il controllo dei conti di Tirolo, Gorizia e infine, sotto quello degli Asburgo.

Nel suo patrimonio artistico vanno annoverate la chiesa di San Valentino del XV secolo, al cui interno sono custoditi meravigliosi affreschi e una statua lignea raffigurante il Santo, coevi alla struttura, e quella di San Nicolò del XIV-XVIII secolo), oltre a Castel Schöneck del XII secolo, che potrebbe verosimilmente essere il luogo natale del grande poeta tardomedievale Oswald von Wolkenstein.
Stemma

Lo stemma è partito, di colore rosso e argento; all'interno di ciascuna parizione è raffigurato un falcetto di colore contrario. È lo stemma della famiglia Plazoll zu Assling, nel Medioevo Signori di Pfalzen, che fecero costruire il castello di Sichelburg (sichel in lingua tedesca significa falce). Lo stemma è stato adottato nel 1967.[6]
Monumenti e luoghi d'interesse
Architetture militari

Castello di Sichelburg
Castel Schöneck

Società
Ripartizione linguistica

La sua popolazione è nella quasi sua totalità di madrelingua tedesca:
% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
96,25% madrelingua tedesca
2,36% madrelingua italiana
1,39% madrelingua ladina
Evoluzione demografica

Abitanti censiti[7]
Amministrazione

Dal dopoguerra in poi, il comune è sempre stato amministrato dalla Südtiroler Volkspartei (SVP), che alle elezioni ottiene regolarmente la maggioranza assoluta dei voti (come nella maggioranza dei comuni rurali dell'Alto Adige).
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1952 1956 Johann Baumgartner (Grunser) SVP Sindaco
1956 1969 Johann Hainz (Jochele) SVP Sindaco
1969 1973 Alois (Luis) Durnwalder SVP Sindaco
1973 1974 Johann Hainz (Jochele) SVP Sindaco
1974 1990 Hartmann Willeit SVP Sindaco
1990 2005 Manfred Hainz SVP Sindaco
2005 2010 Josef Gatterer SVP Sindaco
2010 in carica Josef Gatterer SVP Sindaco
Sport

Per tre volte Falzes è stata sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia, la prima nel 1997, l'ultima nel 2012.

1 комментарий

  • Фото leogas

    leogas 24.01.2021

    Я был на этом маршруте  Посмотреть еще

    Una semplice ma piacevole escursione sui prati ondulati della val Pusteria

Вы можете или этот маршрут